Invisibile – MilanoNera

Recensione pubblicata sul blog Milano Nera con cui collaboro

Elizabeth si è appena trasferita, con la madre e il fratello Laurie, a New York a causa di alcuni problemi sorti sia con il padre che con i compagni di scuola dopo che il fratello ha dichiarato di essere gay. Laurie, infatti, oltre a essere preso di mira con scherzi e offese, un giorno viene anche picchiato brutalmente, tanto da essere necessario un ricovero in ospedale e un lungo periodo di fisioterapia. Il padre, dopo

Sorgente: Invisibile – MilanoNera

:: Una presenza in quella casa, Paige McKenzie (Giunti, 2016) a cura di Micol Borzatta

Recensione pubblicata sul blog Liberi di Scrivere con cui collaboro

Liberi di scrivere

Una pres Clicca sulla cover per l’acquisto

Sunshine è una ragazza di 16 anni per niente comune, adora gli abiti vintage, le piace leggere libri dei secoli passati, non segue le mode e non ascolta musica moderna. Non le piace andare alle feste o nei locali. Il suo tempo libero lo passa con sua madre Kat Griffith, che anche se non è la sua madre biologica per lei è la persona più importante che ci sia al mondo, e la sua amica e compagna di scuola Ashely.
Purtroppo dopo un paio di settimane dal suo sedicesimo compleanno, Sunshine e Kat devono trasferirsi a Richmond perché Kat ha ricevuto un’ottima offerta lavorativa dall’ospedale del posto.
Appena arrivano davanti alla loro nuova casa Sunshine inizia a sentire strane sensazioni, sente freddo, l’aria le sembra cupa, la casa e l’atmosfera che la circonda sembrano sinistre. Lo dice subito alla madre che le risponde scherzando dicendo…

View original post 578 altre parole

:: La libreria dei sogni che si avverano, Christel Noir (Corbaccio, 2016) a cura di Micol Borzatta

Recensione pubblicata sul blog Liberi di Scrivere con cui collaboro

Liberi di scrivere

libr Clicca sulla cover per l’acquisto

Cosa proveremmo se un giorno, svegliandoci, dovessimo trovare una figura ai piedi del letto che dice di essere il nostro angelo custode? E se, superato lo shock iniziale, dovesse dirci che si è manifestato andando contro al regolamento e che entrambi subiremo le conseguenze di quest’azione, perché siamo legati?
Sinceramente non lo so, però ho scoperto le reazioni di Marie.
Marie è una libraia, o meglio lo è diventata dopo la morte di suo nonno Samuel, quando ha preso in consegna la libreria che lui le ha lasciato in eredità. Lavora da sola, con la sola compagnia di Émile, un vecchietto amico del nonno che passa le sue giornate in un angolo della libreria a leggere uno dopo l’altro tutti i libri presenti. Fuori dal lavoro Marie ha come amica Noémie, una ragazzina un po’ fuori dagli schemi, che spesso passa del tempo a casa…

View original post 469 altre parole

ILMIOLIBRO – Dischiuse memorie di Andrea Fancello (ilmiolibro.it 2016) a cura di Micol Borzatta

thumb-cropc1446401394311-1446401394238-1160836_copertina_frontcover_reader

Tre ragazze, tre amiche, tre compagne di squadra. Nicoletta, Karim e Daniela sono tre amiche che giocano insieme nella stessa squadra di calcio. Molto legate tra di loro si ritrovano a vivere un’avventura spaventosa quando vengono rapite da un uomo misterioso. La polizia cerca di risolvere il caso il prima possibile, ma purtroppo rimane bloccata senza indizi, fino a quando il padre di Daniela non aiuterà a trovare nuove informazioni che stravolgeranno la storia.Un romanzo appassionante che sa unire molto bene suspance, mistero e azioni da cardiopalma tenendo il lettore concentrato nella lettura e rendendolo partecipe degli eventi, a tal punto che spesso si ritrova a schematizzare anche lui i vari indizi trovati per cercare di fare un punto della situazione e aiutare i poliziotti a sbrogliare la matassa per trovare la soluzione.Il ritmo della narrazione segue molto gli eventi, accelerando e rallentando in base alle azioni dei personaggi, portando il lettore a correre o arenarsi insieme ai poliziotti o a Marco Setti. Questo permette così un’interazione maggiore creando ancora più legami empatici tra lettore e personaggi, trasmettendo così le varie emozioni, i pensieri e gli stati d’animo dei protagonisti direttamente all’animo del lettore.Unica pecca riscontrata durante la lettura sono gli innumerevoli errori grammaticali e di sintassi rinvenuti nel testo. Errori che vanno dalla semplice d eufonica usata in maniera errata a pronomi con coerenti con il soggetto, parole scritte sbagliate e dimenticanza assoluta di preposizioni o articoli. Tutti errori che denotano un lavoro di editing non accurato o totalmente mancante.Nonostante questo difetto, e il fatto che la partenza sia molto lenta e diventi coinvolgente solo dopo un quarto del testo, il romanzo si può dire essere comunque molto ben strutturato e saper conquistare, invogliando il lettore a rimanere immerso nelle sue pagine fino alla fine per non perdersi nemmeno il minimo particolare, come se staccarsi dalla lettura volesse dire allontanarsi da una scena che si sta svolgendo in diretta e quindi perdere attimi preziosi per capire il procedere degli eventi.Un romanzo che merita di essere letto e che consiglio vivamente.

Micol Borzatta

Sorgente: ILMIOLIBRO – Tre ragazze e un unico destino – utente – 222346

:: La fragilità della farfalla. Dietro la tenda, Maura Maffei, Rónán Ú. Ó Lorcáin (Parallelo45 Edizioni, 2015) a cura di Micol Borzatta

Recensione pubblicata sul blog Liberi di Scrivere con cui collaboro

Liberi di scrivere

frt Clicca sulla cover per l’acquisto

Irlanda 1746. Due grandi famiglie, i Ó Cléirigh con capostipite Cian e i Ó Brolcháin con capostipite Bran, di origine antiche e nobiliari, hanno sempre intessuto tra di loro relazioni di amicizia e amore, tant’è che quando Cian viene imbarcato dagli inglesi con il figlio neonato Caomhín mentre la moglie si annega pur di cercare di raggiungerlo a nuoto lasciando il figlio piccolo Cearúll da solo, sarà proprio Bran a prendersi cura di lui come se fosse il padre biologico.
Gli anni passano e le famiglie crescono con nuovi matrimoni, nuove nascite e nuove alleanze, ma il predominio dei protestanti e degli inglesi purtroppo non lascia l’Irlanda.
Sarà proprio in quest’atmosfera di guerra e sotterfugi che Caomhín farà ritorno in patria, insieme a un gruppo di uomini sotto le mentite spoglie di carpentieri che lavoreranno nella falegnameria di padre Hugony Newman, con il progetto di…

View original post 652 altre parole

:: Introduzione al mondo, Idolo Hoxhvogli (OXP, Napoli 2015) a cura di Micol Borzatta

Recensione pubblicata sul blog Liberi di Scrivere con cui collaboro

Liberi di scrivere

ido Clicca sulla cover per l’acquisto

Quando mi hanno proposto Introduzione al mondo l’ho accettato perché incuriosita: incuriosita dal nome dell’autore, così strano; incuriosita dal titolo scelto, che rivela tantissimo ma nello stesso tempo così poco visto la vastità dell’argomento; incuriosita dalla sua lunghezza, o meglio brevità, perché com’è possibile che in sole 120 pagine l’autore possa aver approfondito un argomento così complesso come il mondo? Così ho ceduto alla mia curiosità e mi sono avvicinata a questo scritto. Mai scelta fu più felice.
Spiegare esattamente di cosa tratta Introduzione al mondo non è facile. Intanto si riscontra che è diviso in tre parti.
La prima parte, La città dell’allegria, è scritta quasi come un racconto. La suddivisione della narrazione è di piccoli capitoli, ognuno come se fosse un pensiero o una regola, caratteristica che troviamo per tutto il libro, ma collegati tra loro da una storia. Un sindaco che…

View original post 369 altre parole

:: L’eredità medicea, Patrizia Debicke Van Der Noot (Parallelo45 Edizioni, 2015) a cura di Micol Borzatta

Recensione pubblicata sul blog Liberi di Scrivere con cui collaboro

Liberi di scrivere

3107217 Clicca sulla cover per l’acquisto

Alessandro de’ Medici, duca di Firenze, è appena stato assassinato da Lorenzino de’ Medici, detto il filosofo, lasciando vedova Margareta d’Austria. L’assassinio era stato messo in atto per una voglia da parte del filosofo di salire al potere al posto del parente, ma dopo aver compiuto l’omicidio ed essersi vantato in lungo e in largo, preso da un attacco di codardia consono alla sua natura, scappa da Firenze lasciando il seggio vuoto. I fiorentini vogliono come successore assolutamente uno di loro, non accetteranno nessun altro candidato come nuovo duca, così il consiglio dei Quarantotto decide di nominare Cosimo de’ Medici, ragazzo molto giovane con i suoi 17 anni, ritenendolo facilmente malleabile e manovrabile, ma con il passare del tempo dimostrerà lo stesso spirito e la stessa forza d’animo del padre, Giovanni de’ Medici detto delle Bande Nere, e della nonna, Caterina Sforza.
Appena arrivato…

View original post 520 altre parole