RECENSIONE – Resident Evil Revelation – videogioco della Capcom del 2012

Resident Evil Revelation è un survivor horror del 2012 della Capcom.

Il gioco è suddiviso in 12 episodi fatti come puntate di una serie, all’inizio di ogni episodio abbiamo il riassunto dell’epi­sodio precedente.

Siamo nel 2005, nel Mar Mediterraneo, la BSAA (Bio terrorism
Security Assessment Alliance) un gruppo antiterrorismo, è
stata co-fondata da Chris Redfield e Jill Valentine.

Chris e Jessica Sherawat vengono mandati a indagare sulla Queen Zenobia, una nave che risulta dispersa nelle acque del Mediterraneo e di cui non si hanno più notizie.

Mentre Jill e Parker Luciani verranno inviati alla ricerca di Chris e Jessica, che arrivati sulla nave risultano spariti pure loro, ma scopriranno presto che si tratta di una nave gemella e non della Zenobia.

Qui scoprono anche che un nuovo gruppo terroristico, la Velcro, sta cercando di contagiare le acque del mondo con il virus-T Abyss, partendo proprio da quella nave.

Il gioco di per sé è abbastanza carino, a suo modo dà molte informazioni riguardanti la storia, ma nello stesso tempo risulta un po’ noioso e ripetitivo, e in alcuni flashback anche confusionario.

Un gioco che va bene seguire o giocare solo per completezza per chi è interessato esclusivamente alla lore della saga.

Micol Borzatta

Seguito gameplay su Youtube

RECENSIONE – Il detective fantasma – Vanessa S. Riley – Fanucci 2021

TRAMA

Jack Wyte è morto. La sua morte è stata una strana faccenda, il genere di faccenda che quando ti chiedono «Come sei morto?» ti dà il diritto di rispondere: «È una lunga storia». Si lascia alle spalle una carriera nella Squadra Omicidi che gli ha fatto male alla salute, una vita solitaria, una ex-moglie con cui non parlava da anni, una figlia ormai adulta e l'amore di Dare, l'unico essere al mondo che può vedere i fantasmi ma non vuole più vedere lui. 
E se pensava che tirare le cuoia, nella sua sgradevolezza, risolvesse tutti i problemi, si sbagliava di grosso. Morire, in realtà, è stato solo l'inizio. A Londra ci sono stati dei decessi diciamo poco ortodossi. E pure a Los Angeles. Sua figlia, in uno scavo archeologico in Guatemala, ha incontrato un tizio che le legge nel pensiero. Due personaggi non proprio umani sono stati incaricati da un concilio di non-morti di insabbiare tutto l'insabbiabile, con le buone o con le cattive. La detective Jamaica Kingstone della Metropolitan Police possiede la Vista, e questo non ha migliorato il suo umore. O il suo carattere. Anzi l'ha resa molto nervosa. C'è robaccia sovrannaturale dappertutto e i funzionari della morte non hanno il tempo o il personale per risolvere il casino in corso. Anche perché non si sono ancora accorti del vero problema. D'altronde si sa, al giorno d'oggi muore troppa gente e sono molto impegnati. Il caso, così, finisce metaforicamente sulla scrivania di Jack Wyte, la cui vita non è stata un granché, ma la cui morte si preannuncia anche peggio. Perché la verità non è mai gradevole e l'indagine in corso lo obbligherà a confrontarsi con dei fantasmi molto più inquietanti delle ombre dell'aldilà.

RECENSIONE

Dopo una lunga carriera come poliziotto Jack Wyte muore, senza che nessuno lo rimpianga, né la moglie, né i colleghi, nemmeno la figlia era molto legata a lui. L’unica persona che gli stava vicino era Dare, l’unica che lo vedeva da fantasma, ma a un certo punto perfino lei lo ha lasciato andare e non lo ha più voluto vedere.

Che fare quando anche la figlia adottiva dell’Uomo dei Crocevia, figura molto ben conosciuta dagli appassionati di Supernatural, non lo vuole più?

La soluzione viene quando una serie di strani morti, tutte uguali, tutte inspiegabili, tutte alla stessa ora ma in posti totalmente diversi del pianeta – Londra, Los Angels, Guatemala – e tutte quando ancora non era scoccata la loro ora, iniziano ad accadere.

Jack Wyte fa un patto con l’Uomo dei Crocevia, e ritorna per indagare. Non sarà da solo però, ci saranno anche Dare, che già conosciamo, Jamaika Kingstone, una detective inspector dell’unità Homicide and Serious Crime Command e ha la Vista, ovvero la capacità di vedere i fantasmi, cosa che l’aiuta davvero molto poter parlare con i fantasmi delle vittime su cui deve indagare.

L’inizio è molto confuso. Si salta da un personaggio a un altro senza stacchi ben definiti e senza spiegare bene chi sia il personaggio di turno, dove stia e che legami abbia con la storia.

Pian piano però si incomincia a ingranare, sia perché si iniziano a collegare tra loro fatti e personaggi, sia perché si incomincia a capire lo stile dell’autrice e a seguire molto meglio i suoi viaggi mentali, comprendendo cosa ci vuole trasmettere e raccontare.

Il ritmo narrativo è ben cadenzato, anche nella parte iniziale è molto scorrevole, nonostante la confusione, e questo porta a una lettura veloce e invoglia a continuare fino a superare la parte critica, per poi gustarsi tutta la parte intrigante delle indagini, che nonostante il romanzo non sia lunghissimo riesce a risolvere tutte le incognite e a rispondere a ogni domanda che il lettore si pone.

La storia non è il solito giallo o thriller, abbiamo un detective che era un fantasma e fa un patto con l’Uomo dei Crocevia, ninfe, lupi mannari, una poliziotta con la Vista, una sensitiva che è stata adottata da piccola dall’Uomo dei Crocevia, il tutto amalgamato in modo magistrale raccontando una storia che fila perfettamente, senza parti forzate o innaturali.

Le descrizioni di ambientazioni e personaggi sono molto ben sviluppate e visive, credibili perfettamente, totalmente realistiche, molte anche fin troppo crude e macabre, ma trasmettono perfettamente la situazione che si sta vivendo.

Una lettura veramente molto bella adatta a chi ama il thriller, ma anche a chi ama il supernaturale, e ancora di più chi li ama entrambi, ma anche a chi si vuole avvicinare ai generi per la prima volta.

Micol Borzatta

Copia ricevuta dalla casa editrice

RECENSIONE – Resident Evil. Codice Veronica – S. D. Perry – Multiplayer 2011

TRAMA

La disperata ricerca del fratello scomparso mette ancora una volta Claire Redfield contro le spaventose armi biologiche della Umbrella Corporation. La sua impresa la conduce su di un'isola remota dove un folle genio le scatena contro ogni grottesca creatura a sua disposizione, per impedirle di interferire con i suoi orribili piani...

RECENSIONE

Ultimo volume della saga dedicata all’omonimo videogioco, in questo capitolo si ripercorre perfettamente il capitolo videoludico Resident Evil: Code Veronica.

Dopo essere stata catturata a Parigi, Claire Redfield viene imprigionata da Rodrigo Juan Raval su un’isola, la Rockfort Island, governate da Alfred e Alexia Ashford, ma quando questa viene attaccata da aerei della Umbrella Corporation con bombe contenenti il virus-T, Raval decide di liberare Claire.

Scappando, Claire, incontra Steve Burnside, un ragazzo che era stato anche lui prigioniero, ma invece di proseguire insieme, Steve decide di giudicarla con sufficienza e di andarsene per conto proprio.

Claire decide di trovare Steve, mentre Alfred si convince che lei faccia parte di un complotto creato dall’Umbrella e sia la colpevole della diffusione del virus, e quando riesce a trovare un PC invia una mail a Leon kennedy per avvisarlo che è ancora viva e dove si trova.

Nel frattempo a Parigi Leon Kennedy, Chris Redfield e Barry Burton si preparano acombattere, a Londra Rebecca Chambers, David Trapp e John Andrews stanno acquistando delle armi, mentre Jill Valentine è in viaggio.

Appena riceve la mail Leon avvisa subito Chris e Barry, e decidono di mandare Chris a recuperare la sorella.

Steve e Claire decidono di lasciare l’isola grazie a un sommergibile che hanno trovato, ma prima di andarsene Claire vuole tornare a portare delle medicine a Raval, per ringraziarlo di averla liberata, ma viene vista da Alfred che la rinchiude in una trappola.

Riuscita a scappare grazie all’intervento di Steve, e dato le medicine a Raval, vengono messi al corrente dell’esistenza di un’altra villa con le chiavi di tutta l’isola e dell’esistenza di un aliscafo con cui riescono a fuggire, ma vengono dirottati in Antartide da Alfred, nella struttura dell’Umbrella che già era stata infettata.

Qui vengono raggiunti da Alfred che gli libera contro il Nosferatu, che altri non è che il padre di Alfred e Alexia, Alexander Ashford infettato dai suoi stessi figli con il virus-T Veronica. Durante il combattimento i due ragazzi rompono per sbaglio un capsula criogenica in cui riposava un’altra vittima del virus-T Veronica: Alexia Ashford. La ragazza infatti si era iniettata il virus dieci anni prima e poi si era messa in sonno criogenico per evitare di mutare, in attesa che il fratello finisse di trovare un modo per controllare il virus. Al suo risveglio trova il gemello morto e percepisce che il legame con il padre è stato tagliato, quindi morto pure lui, decide di inseguire Claire e Steve.

Nel frattempo Chris arriva sull’isola e viene avvisato da Rodrigo, poco prima della sua morte, che Claire è scappata, e mentre se ne va rincontra nuovamente Albert Wesker. I due sono costretti una terribile battaglia che li porta in Antartide, dove si ricongiungono con Claire e Alexia e inizia l’ultima grande battaglia.

L’ultima per quanto riguarda i libri, ma come ben sappiamo noi giocatori siamo ancora molto lontani dalla fine e dall’epurazione del mondo dalla piaga creata dalla Umbrella Corporation.

Anche quest’ultimo volume, come ormai tutti i precedenti, ha uno stile molto veloce che ci porta a leggerlo in una sessione sola, e non è così difficile, aiutati anche dalla sua lunghezza contenuta.

Una lettura molto piacevole, interessante, e che rispecchia perfettamente il capitolo di gioco che trasporta in versione letteraria.

Mi sono piaciuti moltissimo i personaggi che sono stati caratterizzati rispecchiando magnificamente i loro omonimi videoludici, rendendoli ancora più reali e concreti, sono letteralmente usciti dal videogioco, entrati nel libro, usciti nuovamente dal libro e diventati reali, al nostro fianco, e abbiamo combattuto concretamente con loro, fianco a fianco, sentendoci ancora più coinvolti nella storia.

Una saga che mi è piaciuta moltissimo e che mi dispiace sia composta solamente da sette libri. Sì questo è il sesto, ma il settimo, essendo un prequel, ve l’ho recensito a inizio progetto.

Micol Borzatta

Copia di proprietà

RECENSIONE – Resident Evil Degeneration – film del 2008 della Capcom

Resident Evil: Degeneration è un film in computer grafica prodotta dalla Capcom, con la regia di Makoto Kamiya, del 2008.

A differenza dei film con la Jovovich, questo segue esatta­mente la saga videoludica e ha come protagonisti Leon Kennedy e Claire Redfield.

Siamo nel 2005, sono passati sette anni dagli eventi di Raccoon City, l’Umbrella Corporation non esiste più, ha dichiarato bancarotta, ma la terra è ancora colpita dal virus-T.

Il bio-terrorismo sta diventando sempre più popolare in tutto il mondo, e il Pentagono ha stanziato molti fondi in un program­ma diretto dalla Will Pharma, una multinazionale che viene accusata dall’organizzazione Terra Save di usare cavie umane.

Aeroporto di Harvardville, piccola cittadi­na in cui c’è la sede principale della Will Pharma, che fa ricerche ed esperimenti con il virus-T.

Claire Redfield, membro attivo della Terra Save, arriva in città per partecipare a una manifestazione contro il senatore Ron Davis, il maggiore azionista della multi­nazionale.

Mentre il senatore si sta apprestando a lasciare l’aeroporto, si vede uno zombie andargli incontro. Inizialmente viene fermato da una guardia del corpo, che lo scambia per un manifestante, ma lo zombie lo attacca, e nell’aeroporto dilaga il panico, i contagiati aumentano, e un aereo si schianta contro il terminal a causa di un passeggero infetto.

Subito la struttura viene recintata e viene inviata una squadra della SRT capitanata da Leon Kennedy su ordine del presidente.

Per evitare che il contagio dilaghi, Leon de­cide di portare con sé solo altri due compo­nenti: Gregg Glen e Angela Miller.

I tre riescono a salvare tutti i superstiti portandoli nelle tende esterne, ma Gregg purtroppo cade sul campo contagiato.

Appena raggiungono il campo vedono arrivare vari camion della Will Pharma con a bordo dosi di vaccino destinati ai superstiti.

Prima ancora che potessero scaricare il loro carico, i camion vengono distrutti da una bomba e al Governo giunge un ultimatum: o confessa il suo coinvolgimento nei fatti di Raccoon City o i terroristi spargeranno il virus-T in tutte le zone popolate.

Claire allora ricorda di aver visto Curtis Miller in aeroporto poco prima del pande­monio e propone il suo arresto per far finire tutto, ma quando vanno a prenderlo trovano la casa in fiamme.

Intanto Claire accompagna il dottor Downing allo stabilimento della Will Pharma per recuperare i dati del vaccino e viene a sapere che oltre al virus-T, la società, ha anche il virus-G.

Downing, in combutta con Curtis, fa esplo­dere l’edificio facendo dilagare nell’aria vari virus, compresi il T il G.

Angela ritrova il fratello Curtis che le dice, prima di trasformarsi in un mostro, che ha fatto tutto per vendicare la moglie e la figlia morte nell’esplosione della bomba su Raccoon City.

Ucciso Curtis scoprono che lui aveva messo solo la bomba, tutto il resto era stato orga­nizzato da Downing che voleva vendere sia i virus che i vaccini ai terroristi.

A causa di questo scandalo la Will Pharma chiude e viene sostituita dalla multinazionale Tri-cell, che dopo aver ucciso il senatore recupera i campioni di virus dalle macerie di Will Pharma.

Angela decide di lasciare la carriera militare, mentre Leon e Claire proseguono con le loro vite.

Micol Borzatta

Visto su Netflix

SEGNALAZIONE – Ponte di anime – Victoria Schwab – Mondadori 2021

Titolo: Ponte di anime
Autore: Victoria Schwab
Traduttore: Marina Calvaresi
Editore: Mondadori
Collana: Oscar fantastica
Anno edizione: 2021
Formato: Tascabile
In commercio dal: 26 ottobre 2021
Pagine: 352 p., Brossura

TRAMA

È lei che insegue gli spettri, o è il contrario?

Sia come sia, Cass potrebbe avere un talento per scovare gli spiriti inquieti. Insieme a Jacob, il suo migliore amico fantasma, è sopravvissuta a due città infestate mentre era in viaggio per il programma televisivo dei suoi genitori. Tuttavia nulla potrebbe prepararla a quel che la attende a New Orleans, un luogo che pullula di antiche magie, società segrete e terrificanti sedute spiritiche. Ma la sorpresa più terribile è un nemico che Cass non avrebbe mai sospettato di dover affrontare: un messaggero della Morte in persona. Sarà all’altezza della sfida? E a cosa dovrà rinunciare per vincerla?

AUTORE

Victoria “V. E.” Schwab è l’autrice di oltre venti libri, tra cui l’acclamata serie Shades of Magic e la trilogia Cassidy Blake, e La vita invisibile di Addie LaRue

I suoi romanzi sono stati tradotti in tutto il mondo e sono stati opzionati anche per il cinema e la televisione. Quando non si aggira per i vicoli di Parigi o non arranca su e giù per le colline inglesi, vive a Edimburgo, in Scozia, ed è in genere accoccolata nell’angolo di una caffetteria, intenta a sognare mostri.

RECENSIONE – Resident Evil The Umbrella Chronicles – videogioco della Capcom del 2007

Resident Evil the Umbrella Chronicles è un capitolo della saga fatta dalla Capcom e che racchiude al suo interno parti di altri tre capitoli: Resident Evil 0, Resident Evil e Resident Evil 3
Nemesis
, più uno scenario inedito ambientato nel 2003 in Russia in cui vediamo il crollo dell’Umbrella Corporation.

Tutte le vicende sono narrate dalla voce di Albert Wesker e partirà dagli eventi che coinvolgono Oswalt E. Spencer fino al declino della multinazionale farmaceutica.

Il gioco è composto da quattro scenari, ognuno diviso a sua volta in tre parti principali, più svariati sotto-capitoli.

IL DERAGLIAMENTO

I protagonisti sono Billy Coen e Rebecca Chambers e torniamo al 23 luglio 1998 sul treno Ecliptic Express dopo che è stato attaccato da un gruppo di sanguisughe mutanti create da James Marcus nei laboratori della Umbrella Corporation e che lo hanno resuscitato quando è stato ucciso da Alexander Isaacs.

Oltre alla storia di Resident Evil 0 che conosciamo viviamo il dietro la storia con protagonista Albert Wesker.

lo vediamo alle prese nel laboratorio, dove sono giunti Billy e Rebecca, con un campione di virus-T e il dottor Birkin, mentre fanno partire il programma di autodistruzione, constatando che quello è l’inizio del declino dell’Umbrella.

Mentre scappa deve vedersela con il suo superiore Sergei Vladimir che vuole far­gli pagare il tradimento. Wesker decide allora di andare a Villa Spencer con la sua squadra e fingere la sua morte.

LA VILLA

Questa volta siamo catapultati al 24 luglio 1998 e stiamo arrivati a Villa Spencer per quella che crediamo essere una missione di salvataggio, invece siamo una copertura per la vera missione di Wesker: cancellare ogni collegamento tra la pandemia, l’Umbrella e lui.

Inizialmente useremo Chris Redfield e Jill Valentine ripercorrendo gli eventi di Resident Evil, il primo capitolo della saga.

Vivremo un breve momento in cui capiremo cos’è successo a Rebecca Chambers da quando ha lasciato Billy a quando viene trovata da Chris nella villa.

Passiamo così a Wesker che è riuscito a sopravvivere grazie a uno strano siero che gli ha iniettato Birkin, ma ora deve scappare dalla villa prima che la facciano saltare in aria.

C’ERA UNA VOLTA

Questa volta si rivivono gli eventi di Resi­dent Evil 3 Nemesis, dal 28 settembre all’1 Ottobre 1998 e impersonifichiamo Jill che, insieme a Carlos Olivera, deve affron­tare il Nemesis.

Viviamo però anche le avventure di Ada Wong che è sopravvissuta allo scontro con Mr. ✗ e ha recuperato il campione di virus-G da Sherry Birkin.

Terribilmente ferita raggiunge un appar­tamento che usa come base, quando viene contattata da Wesker che l’avvisa dell’im­minente bomba su Raccoon City e le dà le coordinate per farsi dare un passaggio da Sergei con il suo elicottero.

UMBRELLA: LA FINE

Ultimo scenario e siamo nel 2003 in Russia, nell’ultima base dell’Umbrella che è riuscita a farla franca fino a quel
momento.

Sul posto arrivano Chris e Jill per distrug­gere la base sperando di non dover af­frontare l’ultima arma biologica dell’Umbrella, di cui hanno sentito parlare.

Arrivati nell’arena dove vengono testare le BOW trovano Sergei con il Talos, l’ultima arma creata dalla multinazionale, che quando viene abbattuto si rialza mutato, ma Chris e Jill riescono ad abbatterlo, e Chris decide di continuare la sua battaglia unendosi alla BSAA quando scoprono che tutti i dati sono stati rubati.

A questo punto riprendiamo il controllo di Wesker che vuole appropriarsi dei dati dell’Umbrella e vendicarsi di Sergei. Missione che riesce a portare a termine usando la battaglia di Chris e Jill con il Talos come diversivo.

Micol Borzatta

Seguito gameplay su Youtube

SEGNALAZIONE – Ronnie Cage nella terra dei sogni – Daniele Zolfanelli – Self Publishing 2021

Titolo: Ronnie Cage nella terra dei sogni
Autore: Daniele Zolfanelli
Editore: Self publishing
In commercio dal: 16 agosto 2021
Pagine: 258 pagine flessibile

TRAMA

A Londra non tutto è come sembra. Ci sono ragazzi mascherati da vampiri, inquietanti signore che dicono di essere streghe, uomini fin troppo pelosi a cui piace ululare alla luna piena. E c’è una bottega di magie e stregonerie, al centro della città, in cui questi bizzarri personaggi fanno i loro acquisti. 
A gestirla è Howard, un uomo che dice di essere un mago, aiutato da Ronnie, il suo giovane apprendista. Quando dal nulla apparirà un antico manufatto dai misteriosi poteri, Howard dovrà usare tutte le sue abilità per difendere il ragazzo da pericoli inimmaginabili e, soprattutto, convincerlo della cosa più importante: la magia esiste.

AUTORE

Daniele Zolfanelli è nato a Firenze il 12 Settembre 1991.

Nel 2020 si è laureato alla facoltà di Giurisprudenza e, attualmente, sta svolgendo la pratica forense. 

Ha pubblicato vari romanzi:

Cronache dell’apocalisse (zerounoundici edizioni, 2010)
L’ultima alba (Zerounoundici edizoni 2010)
La magia esiste (GDS edizioni, 2014)
Ombre (GDS edizioni, 2016)
Ronnie Cage nella terra dei sogni (Self Publishing 2021)

È un grande appassionato di fantasy, fantascienza e horror. 

RECENSIONE – Resident Evil Dead Aim – videogioco della Capcom del 2003

Resident Evil: Dead Aim, altro capitolo sparatutto in prima persona del 2003, ambientato in un unico luogo chiuso, con l’unico scopo sopravvivere uccidendo il maggior numero di mostri.

Come per i Chronicles e i Survivor anche questo capitolo non porta nulla alla storia della saga, ma è solo un sparare a tutto quello che si muove.

Alla base del gioco abbiamo Morpheus Duvall che riesce a procurarsi un campione del virus-T dai laboratori dell’Umbrella Corporation francesi.

Impossessatosi del virus decide di scappare dalla Francia e andare in America.

Per farlo decide di dirottare un trasatlantico, ma trovandosi messo alle strette decide di usare il virus infettando tutti i passeg­geri e l’equipaggio.

Vengono quindi inviati Bruce McGirvan e Fong Ling a indagare, che dovranno affron­tare mostri di ogni genere, fino a trovarsi a faccia a faccia con Morpheus.

Micol Borzatta

Seguito gameplay su Youtube

RECENSIONE – Resident Evil. Nemesis – S. D. Perry – Mondadori 2011

TRAMA

Zombie, animali mutanti, armi bioingegneristiche e mostri potenziati chirurgicamente, laboratori segreti e cospirazioni su scala globale: sembra impossibile, eppure Jill Valentine e i suoi compagni della STARS hanno visto con i propri occhi come la Umbrella Corporation ha trasformato Raccoon City in un teatro di sperimentazione per i più insidiosi esperimenti genetici mai concepiti. Dopo tutto quello che ha passato, Jill è pronta a lasciarsi alle spalle quella remota comunità montana una volta per tutte… 
Ma la Umbrella non ha ancora finito con Raccoon City! Sono rimaste troppe prove delle loro immorali ricerche, troppi indizi che devono essere recuperati o distrutti - e in fretta - prima che possano condurre alla Umbrella. E con il virus mutageno di William Birkin che si sta già diffondendo nella cittadina come un incendio, sono necessarie misure drastiche. Con il favore delle tenebre, delle squadre di mercenari sono entrate in città, accompagnate da qualcos'altro - una nuova, infallibile creazione della Umbrella: una versione evoluta delle sue macchine di sterminio di classe Tyrant, una letale creatura chiamata Nemesis. Ora Nemesis è a caccia, e Jill Valentine sta per diventare la sua preda.

RECENSIONE

Romanzo horror fantascientifico, quinto volume della saga, e segue una parte della storia canonica dei videogiochi.

Per la prima volta a inizio romanzo non abbiamo la consueta rassegna stampa, ma facciamo la conoscenza di un nuovo personaggio, collegato direttamente con la ormai altra famosa Umbrella Corporation, e l’ormai altrettanto famoso signor Trent, che anche questa volta interverrà muovendo le fila, come ci ha già abituati.

Il libro presenta anche, sempre per la prima volta, una prefazione scritta dall’autrice stessa in cui si scusa se a volte i fatti delle novelization si discostano dai videogiochi, e spiega come mai è capitato.

«[…] Poiché le novelization e i giochi vengono scritti, prodotti e rivisti in tempi diffe­renti da persone diverse, una coerenza perfetta è pressoché impossibile. Posso solo fare le mie scuse a nome di noi tutti, e sperare che, malgrado gli errori cronologici, possiate continuare ad apprezzare la miscela di zombie creati dalle corporazioni e di malcapitati eroi che rendono la saga di Resident Evil così divertente.»

Come dicevo, a inizio romanzo conosciamo un nuovo personaggio: Carlos Oliveira, un giovane mercenario assoldato dalla Umbrella Corporation per far parte di un gruppo speciale dedicato al contenimento delle minacce biologiche.

Siamo partecipi del momento in cui Carlos viene chiamato a rapporto e, mentre è per strada, viene avvicinato da Trent che gli comunica che dovrà presentarsi a un appuntamento molto importante.

Carlos non dà importanza all’uomo, fino a quando raggiunge, con tutta la squadra, Raccoon City, e vede con i propri occhi l’orrore in cui si è trasformata la città.

A questo punto la telecamera si sposta su Jill Valentine che sta facendo i bagagli e intanto pensa alla sorte dei suoi compagni, così veniamo messi al corrente che Rebecca Chambers è andata con David Trapp a Caliban Cove, mentre Barry Burton e Chris Redfield sono andati in Europa per cercare nuove prove e nuove informazioni.

Jill è rimasta in città, sperando di convincere il sindaco e il capo della polizia che i colpevoli sono quelli della Umbrella, ma tutti i suoi sforzi sono stati inutili, e ora deve evacuare con il resto della popolazione, ma mentre cerca gli ultimi soprav­vissuti incontra Brad Vickers che, prima di scappare, le dice una frase stranissima: “lo hanno liberato.”

Infatti noi sappiamo, e presto lo scoprirà anche Jill, che l’Umbrella ha liberato il Tyrant per le strade di Raccoon City con l’unico scopo di sterminare i membri della S.T.A.R.S.

Avendo già ucciso Brad, l’unico bersaglio rimasto è proprio Jill, da qui il titolo di Nemesis.

Mentre scappa per la città, Jill trova Carlos nel punto che aveva predetto Trent al ragazzo, e nonostante siano di due fronti diversi, in quella guerra, combat­tono insieme, fino a quando Carlos apre gli occhi sui suoi capi e sul mercenario Nicholai Ginovaef, capo squadra di Carlos.

Siamo arrivati al penultimo libro della saga e i tasselli stanno andando al loro posto, anche se noi che abbiamo seguito tutti i giochi sappiamo che ci sarà molto altro ancora.

Il ritmo e lo stile sono quelli che abbiamo imparato a conoscere e che rendono la lettura veloce e coinvolgente.

Pubblicato per un target adolescenziale si fa amare anche, e forse di più, dai più grandi.

Micol Borzatta

Copia di proprietà

SEGNALAZIONE – Tunnel di ossa – Victoria Schwab – Mondadori 2021

Titolo: Tunnel di ossa
Autore: Victoria Schwab
Traduttore: Marina Calvaresi
Editore: Mondadori
Collana: Oscar fantastica
Anno edizione: 2021
Formato: Tascabile
In commercio dal: 28 settembre 2021
Pagine: 352 p., Brossura

TRAMA

L’autrice bestseller Victoria Schwab torna al mondo di Città di spettri, regalandoci nuove emozionanti avventure e un’indimenticabile lezione sull’amicizia (perché, a volte, anche i migliori amici fantasma hanno segreti…).

Cass è nei guai. Ancora più del solito. Insieme a Jacob, il suo migliore amico fantasma, Cass si trova a Parigi, dove i suoi genitori stanno girando il loro programma televisivo sulle città più infestate del mondo. Certo, mangiare croissant e visitare la Tour Eiffel è un vero spasso, ma sotto Parigi, nelle raccapriccianti Catacombe, c’è in agguato un pericolo spettrale. Quando Cass risveglia un poltergeist terribilmente potente, deve affidarsi alle sue abilità di cacciatrice di spettri, ancora tutte da dimostrare, e chiedere l’aiuto di amici vecchi e nuovi per svelare un mistero. Se fallirà, le forze che ha ridestato potrebbero rimanere a infestare la città per sempre.

AUTORE

Victoria “V. E.” Schwab è l’autrice di oltre venti libri, tra cui l’acclamata serie Shades of Magic e la trilogia Cassidy Blake, e La vita invisibile di Addie LaRue

I suoi romanzi sono stati tradotti in tutto il mondo e sono stati opzionati anche per il cinema e la televisione. Quando non si aggira per i vicoli di Parigi o non arranca su e giù per le colline inglesi, vive a Edimburgo, in Scozia, ed è in genere accoccolata nell’angolo di una caffetteria, intenta a sognare mostri.