Il collezionista di bambole, Angela Failla (Grauseditore 2013) a cura di Micol Borzatta

phpThumb_generated_thumbnail

Cittadina di Bright, Virginia.

Il detective Manuel Boselli viene chiamato a indagare su un omicidio.

La vittima è una ragazza a cui hanno sparato a buciapelo e poi lavata, vestita e posizionata sul letto, gli occhi tenuti aperti con del nastro adesivo e nessuna traccia da rilevare, né fibre né impronte digitali, tutto assolutamente pulito.

Il cadavere presenta svariate ferite da arma bianca, probabilmente un coltello, inferte con l’intenzione di ferire e rallentare la preda.

Dopo l’uccisione il killer ha fotografato la vittima e ha lasciato la polaroid sul letto.

Dopo il ritrovamento del cadavere, Boselli fa vedere al tenente suo collega, una lettera che ha trovato sotto la porta di casa sua, e che lo avvisava dell’omicidio e dichiarava che sarebbe stato solo l’inizio.

Infatti altre lettere arrivano a Boselli e altri cadaveri vengono ritrovati, tutti con lo stesso modus operandi.

Il giocattolaio, così viene chiamato il serial killer, sembra dare del filo da torcere alla polizia e Boselli si troverà a giocare una partita a scacchi con lui.

Romanzo thriller che fin dalle prime pagine sa come accattivarsi il lettore che si ritrova immerso nella lettura in un coinvolgimento totalitario.

Le descrizioni delle pratiche investigative del detective Boselli sono molto all’avanguardia, un mix tra Sherlock Holmes e C.S.I., e dimostrano una grande conoscenza da parte dell’autrice.

Molto dettagliate e minuziose anche le descrizioni degli ambienti e la caratterizzazione dei personaggi, che sono davvero realistici.

Come stile narrativo, l’autrice ha scelto una narrazione mista, ovvero la storia viene narrata tutta in terza persona quando il protagonista è il detective Boselli, mentre si passa a una narrazione in prima persona quando la protagonista è la giornalista novellina che viene incaricata degli omicidi.

Lo sviluppo della storia è lineare e ben narrato, approfondito e pieno di suspance.

Gli indizi raccolti da Boselli sono condivisi con il lettore che può seguire le indagini e cercare di risolvere il mistero senza però trovarsi in posizione di vantaggio.

Il colpo di scena finale in cui veniamo a scoprire il colpevole è eccezionale e colpisce davvero molto.

Una storia davvero ben scritta, che è un peccato che il romanzo sia introvabile ormai.

Micol Borzatta

Copia di proprietà

Beware the night, Ralph Sarchie e Lisa Collier Cool (Brossura di San Martino 2001) a cura di Micol Borzatta

download

Ralph Sarchie è un veterano di NYPD da sedici anni e lavora nel 46° distretto nel sud del Bronx.

Serchie, durante le indagini dei suoi casi, si ritrova ad avere a che fare un male peggiore della delinquenza, un male che a sentirlo nominare viene da ridere, domandandoci se chi ne sta parlando è davvero sano di mente: la possessione demoniaca.

Aiutato da un padre gesuita, Mendoza, Serchie si trova ad affrontare molte volte possessioni demoniache ed esorcismi per poter salvare l’umanità, fino a quando decide di lasciare per sempre la polizia e dedicarsi solamente al suo lavoro con Mendoza.

Un’autobiografia che ci porta a vivere in prima persona una realtà che normalmente daremmo per assurda e alla quale, nonostante le dichiarazioni biografiche dell’autore stesso, continuiamo a ritenere quasi impossibili.

Del romanzo è stato tratto anche un film nel 2014, Liberaci dal male, in cui l’autore si mette davvero a nudo.

Una storia pesante che ci colpisce a fondo, ci sconvolge e ci spaventa, portandoci a guardare il mondo con occhi molto diversi.

L’inglese non è molto semplice, ma il romanzo non è mai stato tradotto in italiano.

Micol Borzatta

Copia presa in biblioteca

La canzone di Susannah, Stephen King (Sperling & Kupfer 2004) a cura di Micol Borzatta

9788820036775_0_221_0_75

Dopo aver sconfitto i Lupi del Calla, il Ka-tet viene diviso in vari dove quando per raggiungere diversi obiettivi che li porteranno sempre più vicini alla Torre nera.

Susannah è bloccata nella sua mente, mentre Mia, l’ex demone in cinta che vive dentro di lei, ha trasportato il suo corpo a New York nel 1999, dove rivela a Susannah del patto che ha fatto con l’Uomo in Nero per diventare umana e madre, anche se a livello tecnico il figlio che ha in grembo è un discendente di Susannah e di Roland.

Jake, Oy e Callahan seguono Susannah-Mia per poter salvare Susannah dagli adepti dell’Uomo in Nero, temendo che il figlio che porta in grembo abbia comunque un’anima demoniaca.

Nel frattempo Roland ed Eddie viaggiano nel Maine del 1977 in modo da poter acquistare il lotto di terra in possesso a un uomo di nome Calvin Torre, lotto in cui sembra che il potere della rosa sia molto forte.

Ora la domanda è: riusciranno a raggiungere tutti gli obiettivi?

Penultimo romanzo della saga della Torre nera ci troviamo un volume con molta più adrenalina rispetto a tutti i volumi precedenti.

Nonostante abbiamo la sensazione che tutto si stia per risolvere, in questo volume troviamo molti misteri nuovi che ci portano a porci nuove domande.

Gli eventi si muovono verso una conclusione, ma ancora nulla è chiaro, e per prepararci nel modo più completo al grande finale, Stephen King decide di entrare in campo mettendosi come personaggio all’interno della storia.

Come sempre abbiamo descrizioni molto dettagliate e uno svolgimento che conquista, non il solito volume-ponte che serve solo per portare il lettore alla conclusione.

Una lettura emozionante che invoglia leggere subito il finale.

Micol Borzatta

Copia presa in biblioteca

Maze runner. Il codice, James Dashner (Fanucci 2016) a cura di Micol Borzatta

51qrqhnf6jl._sx316_bo1204203200_

Newt è nascosto insieme ai genitori e alla sorellina Lizzy, quando la madre li sveglia e li chiama alla fessura che hanno come finestra.

Ai bambini si apre uno spettacolo unico: sta nevicando.

La felicità però dura poco, perché pochi attimi dopo fanno irruzione dei soldati per portare via Lizzy.

I genitori reagiscono e vengono uccisi, rendendo i due bambini orfani.

A questo punto i soldati decidono di prendere entrambi i bambini e di usare Newt come soggetto di controllo.

Stephen ha solo cinque anni quando viene preso dalla C.A.T.T.I.V.O. sotto la supplica della madre pestata quasi a  morte dal marito colpito dalla pazzia dell’Eruzione.

Da quando è nel laboratorio gli hanno cambiato il nome, mettendogli il nome Thomas, ma lui non vuole e cerca di ricordarsi il suo, fino a quando non riescono a farglielo dimenticare e accettare il nuovo a suon di scariche di dolore molto forti.

Passano gli anni e gli esperimenti su Thomas continuano, e tra un esame e l’altro viene a contatto con altri bambini: Newt, Teresa, Minho.

Un giorno decidono di impiantargli un chip nella testa, e da quel momento ottiene il permesso di uscire dall’isolamento e di frequentare gli altri.

Thomas ormai ha quasi nove anni.

Non passa molto tempo, solo pochi mesi, che gli scienziati decidono di dare a Teresa e a Thomas un ruolo più importante e fanno vedere loro la Radura e il Labirinto, gli inizi dei lavori che dovrebbero durare circa tre anni e vogliono che loro siano una parte importante della progettazione, anzi saranno proprio i progettatori.

Secondo prequel della trilogia Maze runner che conclude definitivamente il ciclo, rispondendo alle ultime domande.

La narrazione è molto ritmata e veloce, con descrizioni precise e un approfondimento intensivo della psicolgia dei personaggi.

Unica vera e propria critica che mi viene da fare è relativa alla scelta dell’autore dell’età di Teresa e Thomas.

Infatti quando vengono inseriti nel progetto dei Labirinti hanno solo dieci e nove anni, ma vengono trattati come se fossero degli adolescenti e anche il loro modo di comportarsi e di rispondere è troppo adulto rispetto all’età che dovrebbe avere.

Tralasciando questo punto negativo legato all’età dei personaggi, la storia è interessante e possiamo vivere un punto di vista totalmente diverso da quello vissuto fino a ora, e quindi vedere anche l’organizzazione in modo diverso.

Per tutta la durata della lettura ci troviamo a domandarci come avremmo reagito e agito noi nella loro situazione, legandoci ancora di più a tutti i personaggi.

Una conclusione spettacolare che ci spiega tutti i retroscena.

Micol Borzatta

Copia presa in biblioteca

Maze runner. La mutazione, James Dashner (Fanucci 2014) a cura di Micol Borzatta

512b8o8xf03l._sx322_bo1204203200_

Sono passati anni da quando le Eruzioni solari hanno distrutto il mondo.

La popolazione si è rifugiata in accampamenti nei boschi per cercare di sopravvivere e superare il calore che brucia la terra.

Un giorno un Berga solca i cieli, tutti sono speranzosi che il governo abbia trovato una soluzione e sia lì per salvarli, ma quando il portellone si apre i soldati non lanciano scialuppe di salvataggio ma frecce su tutta la popolazione.

Alec e Mark riescono a salire sul Berga per vendicare i loro amici, e mentre sono intenti ad aprire la porta principale per passare nella cabina, Mark trova una serie di contenitori pieni dei dardi che i soldati hanno appena sparato con sui scritto: Virus VC321XB47 altamente contagioso.

Mark capisce subito che l’intento dei soldati del governo non è mai stato quello di ucciderli, ma di usarli come cavie per qualche nuova arma.

Dopo essere riusciti a far precipitare il berga, ALec e Mark ritornano al loro accampamento, impiegandoci due giorni interi.

Al loro arrivo vengono accolti da una montagna di cadaveri. I pochi sopravvissuti sono chiusi nelle capanne e non vogliono uscire, mentre Darnell, che era stato messo  in quarantena appena si accorsero che i malati aumentavano, è impazzito fino al punto di spaccarsi la testa contro la porta della capanna in cui era rinchiuso, mentre Mark cercava di parlargli.

Mark e Alec decidono di lasciare l’accampamento e di dirigersi verso il campo base da cui è partito il Berga e di cui hanno scoperto l’ubicazione quando erano a bordo.

Con loro si aggregano anche Lana e Trina, mentre gli altri due amici a loro legati, Misty e il Rospo, decidono di rimanere quando scoprono che Misty è ammalata.

Poco tempo dopo la loro partenza, vengono raggiunti da Rospo affetto anche lui dal siero e sono costretti a ucciderlo.

La cosa li ha talmente colpiti che, quando al villaggio, sito a un giorno dalla loro meta, trovano una bambina abbandonata da tutti, Deedee, decidono di portarla con loro nonostante rechi una cicatrice che dimostra che è stata ferita da un dardo del virus.

Durante il viaggio si trovano a doversi dividere, Mark e Alec rimangono invischiati con un gruppo di Spaccati, mentre Trina, Lana e Deedee vengono rapite dalla C.A.T.T.I.V.O.

Mark e Alec decidono di ritrovarle, ma la missione non sarà per niente facile.

Prequel della trilogia di Maze runner ci troviamo a vivere gli eventi accaduti tredici anni prima alla fuga dal Labirinto, ai momenti della Tempesta Solare e alla nascita della C.A.T.T.I.V.O.

Come già abituati la narrazione è tutta in terza persona, ma questa volta il punto di vista è quello di Mark.

Originale la scelta dell’autore riguardo all’inserimento dei flash back. Essi infatti vengono messi come sogni di Mark, così mentre loro nel presente dormono, noi possiamo vivere gli eventi capitati un anno prima rispetto a quand i soldati in tuta verde hanno colpito il popolo con i dardi.

La storia è davvero molto ben gestita, si parte con il presente, si passa per il passato, fino a ritornare alla congiunzione del tutto.

Oramai tutte le domande hanno ottenuto una risposta, manca solo di sapere com’è stato creato il Labirinto.

Micol Borzatta

Copia presa in biblioteca

Maze runner. La rivelazione, James Dashner (Fanucci 2015) a cura di Micol Borzatta

51ihs3iuobl._sx318_bo1204203200_

Thomas viene tenuto per più si un mese in isolamento dalla C.A.T.T.I.V.O. e quando viene rilasciato gli viene spiegato che era la terza prova che doveva superare.

Viene riunito ai Radurai, sia quelli del Gruppo A che a quelli del Gruppo B, quando viene a conoscenza da Janson che la cura non è ancora stata ultimata.

Gli viene anche riferito che quasi tutti loro sono immuni alla malattia, ma che alcuni di loro sono stati veramente infettati per poter essere usati come campioni di verifica, e che per il mondo esterno i Muni, come vengono chiamati gli immuni, sono visti con disprezzo.

Janson propone ai ragazzi di ridar loro tutti i loro ricordi e di rimuovere il dispositivo di controllo nel loro cervello, ma questo significherà che Teresa, Thomas e Aris non potranno mai più parlarsi telepaticamente.

La proposta viene accettata da tutti, tranne Newt, Thomas e Minho che si ribellano e scappano aiutati da Brenda, che nonostante sia una dipendente della C.A.T.T.I.V.O. si ricrede e decide di seguirli insieme a Jorge.

I ragazzi riescono a fuggire e ad arrivare a Denver, dove dovrebbero incontrare un ex dipendente della C.A.T.T.I.V.O. che può toglier loro il dispositivo, ma invece ritrovano Gally, sano e in perfetta forma che dice loro di far parte di un gruppo di ribelli chiamato Il braccio Destro.

L’organizzazione spiega a Thomas che lui è la chiave conclusiva per poter concludere definitivamente gli studi sulla ricerca della cura.

Insieme a quelli del Braccio Destro Thomas crea un piano per poter distruggere per sempre la C.A.T.T.I.V.O.

Ultimo romanzo della trilogia, finalmente abbiamo quasi tute le risposte.

La narrazione, anche questa volta, è identica agli altri due romanzi, ovvero in terza persona ma tutto dal punto di vista di Thomas.

Il ritmo l’ho trovato un po’ più lento, nonostante ci sia molta azione, e questo mi ha rallentato molto la lettura facendomi arrancare in molti punti.

Le descrizioni sono sempre molto nitide ed evocative rendendo tutto molto reale, al tal punto che viene spontaneo domandarsi se si rischia davvero di arrivare a una situazione simile.

L’autore è stato davvero molto bravo, che viene difficile salutare i personaggi e lasciare questo mondo, nonostante sia tutt’altro che un paradiso.

Micol Borzatta

Copia presa in biblioteca

Il ritorno del re, J. R. R. Tolkien (Bompiani 2001) a cura di Micol Borzatta

phpThumb_generated_thumbnail

Dopo essersi ritrovati, Gandalf e Pipino arrivano a Minas Tirith per parlare con il Sovrintendente Regnante di Gondor, a cui Pipino giura fedeltà per ripagare il suo debito con Boromir.

Nel frattempo Aragorn, Legolas e Gimli vengono raggiunti dalla Grigia compagnia, un gruppo di Raminghi del Nord per dirigersi tutti insieme verso il Fosso di Helm.

Aragorn decide a questo punto di rivelarsi a Sauron come il legittimo Re di Gondor, distraendolo dal seguire Frodo, che dovrà preoccuparsi di questa nuova minaccia.

Gandalf e Pipino si trovano a dover difendere Gondor, fino a quando non sentono i corni di Rohan arrivati in loro aiuto.

Sam invece va alla ricerca di Frodo nella torre degli Orchi, dove lo trova incima e gli restituisce l’anello.

Travestiti da orchetto riescono ad attraversare Mordor e raggiungere il Monte Fato, dove vengono attaccati da Gollum che cerca di riprendersi l’anello, ma grazie a Sam non ci riesce e Frodo si trova sul bordo del vulcano per adempiere al suo dovere per poter compiere il viaggio di ritorno.

Terzo e conclusivo romanzo della saga di Il signore dell’anello.

Anche questa volta, come per gli altri due romanzi, troviamo sempre la solita pecca, ovvero un finale troppo frettoloso rispetto a tutta la premessa, riducendo le gesta degli Hobbit a pochi e insignificanti eventi quasi casuali.

Le descrizioni come sempre sono molto minuziose, a volte anche fin troppo, ma ci portano a vivere l’ultima parte del viaggio in un’atmosfera magica.

Una storia epica che merita di essere letta, assaporata e vissuta.

Micol Borzatta

Copia di proprietà

La piccola Dorrit, Charles Dickens (DeAgostini 2016) a cura di Micol Borzatta

51klac2vfml._sx364_bo1204203200_

Quando William Dorrit finisce in banca rotta a causa della sua incapacità a governare le sue finanze, viene rinchiuso come debitore nella prigione londinese della Marshalsea.

Come di tradizione a quei tempi tutta la sua famiglia lo segue e condivide la sua cella, così viene seguito dalla moglie e dai figli Edward e Fanny.

Con il passare degli anni William ha una figlia, Amy, che nasce proprio in prigione.

Con la morte del carceriere, William ne prende il posto, diventando il Padre della Marshalsea, e Amy, allora sedicenne, prende il soprannome di Figlia della Marshalsea.

Nel frattempo Arthur Clennam ritorna a Londra dopo aver passato un anno in Cina con il padre per lavoro.

Amy inizia a lavorare a casa ella madre di Clennam e cerca di far entrare a servizio anche i fratelli.

È proprio a casa della madre che Arthur conosce Amy e inizia a indagare su di lei, scoprendo un passato che li lega.

La famiglia di Amy, dopo aver ricevuto un’eredità sostanziosa, riescono a pagare tutti i debiti e uscire di prigione, diventando una famiglia molto agiata.

Con l’arrivo dei soldi i rapporti familiari iniziano a incrinarsi e i componenti a cambiare radicalmente, tutti tranne Amy.

Primo romanzo dello scrittore, al suo esordio era stato distrutto dalla critica letteraria, che lo riteneva il peggiore della sua produzione, mentre in epoca contemporanea è stato rivalutato totalmente e giudicato il migliore in assoluto.

La prigione descritta nel romanzo esiste veramente, ed è la stessa prigione in cui il padre di Charles Dickens ha passato un periodo molto importante della sua vita, costringendo indirettamente il figlio a lavorare in una fabbrica di lucido per scarpe, quando aveva solo dodici anni, per pagare i debiti paterni.

La trama è abbastanza semplice, rispetto a molti altri suoi testi, ma composta ugualmente da molte comparse.

Tema principale della narrazione è la famiglia, vista come un organo ingombrante e soffocante e al valore che all’epoca si dava all’apparenza.

Molto ben descritto il cambio radicale che affronta la famiglia Dorrit con il passare da poveri a ricchi.

Infatti, tutti i membri, tranne la piccola Amy, iniziano a dare molta importanza all’apparenza, a diventare superficiali e a non dare troppo valore agli ideali che fino a quel momento erano stati importanti.

Una lettura piena di sfaccettature e magia come solo gli scritti di Dickens sanno essere.

Micol Borzatta

Copia di proprietà

 

Maze runner. La fuga, James Dashner (Fanucci 2015) a cura di Micol Borzatta

61teb3ly6yl

Thomas si sveglia di soprassalto sentendo una voce nella sua testa.

In un primo momento crede di essere ancora nella Scatola nella Radura, ma poi si ricorda che sono riusciti a scappare, e poi sono stati salvati da un gruppo di scienziati e portati in un luogo sicuro.

La voce nella sua testa è Teresa che chiede come stanno, visto che l’hanno messa in un’ala separata.

A un certo punto qualcosa inizia a non andare, inizialmente è una sensazione, ma piano piano Thomas e gli altri capiscono che sono ancora in pericolo, infatti le finestre delle loro stanze vengono distrutte da individui con la pelle a pezzi e pieni di ferite, tipo zombie, che urlano di essere Spaccati e mostrano solo violenza, e fuori dalle loro stanze tutte le persone che li avevano salvati e portati lì sono morti impiccati.

Come prima cosa Thomas e i ragazzi corrono a cercare Teresa, ma al suo posto trovano un altro ragazzo, Aris, un altro sopravvissuto del terribile Labirinto, nonostante il cartellino fuori dalla stanza dica che all’interno c’era Teresa Agnes, gruppo A, soggetto A1, la traditrice.

I ragazzi sono sempre più perplessi, vogliono trovare la loro amica, ma anche capire chi sia Aris e cosa significa il cartellino.

Quando i ragazzi e Aris si riuniscono in un’adunanza per trovare delle spiegazioni, scoprono che esistevano due gruppi speculari, il loro formato da ragazzi in cui era arrivata Teresa, e quello di Aris in cui erano tutte donne.

Dopo la chiacchierata scoprono anche che nella notte è stato fatto a tutti un tatuaggio in cui è segnato il gruppo di appartenenza, il numero del soggetto e su Thomas la frase: deve essere ucciso dal gruppo B, ovvero il gruppo di Aris.

Superato il primo momento di smarrimento, i ragazzi cercano di riorganizzarsi come avevano fatto nella Radura. Passano tre giorni così, fino a quando non si sente un sommesso brusio e nella sala principale compare una montagna di cibo e un tizio tutto vestito di bianco, seduto dietro a un muro invisibile che sembra vetro, e che spiega loro cosa sia la C.A.T.T.I.V.O. e quale potere abbia. Spiega anche che quello che hanno passato era lo stadio 1 di alcune prove chiamate Variabili e che lui ora darà inizio alla fase 2.

Prove che serviranno per raccogliere dati e poter salvare il mondo colpito dall’Eruzione.

Nel frattempo Thomas continua ad avere flash di vecchi ricordi di quando aveva due-tre anni, sette-otto, e via via fino ai quindici.

Ora però devono trovare il modo di sopravvivere a questa nuova sfida e alle nuove prove.

Secondo volume della saga Maze runner ripartiamo praticamente da dove ci eravamo fermati con il primo volume.

Fin dalle prime pagine troviamo lo stesso ritmo frenetico che ci catapulta direttamente nell’azione e nelle atmosfere che ci avevano conquistato nel primo romanzo.

Come sempre descrizioni molto particolareggiate ci permettono di ritrovarci a toccare con mano le ambientazioni e le situazioni, facendoci essere fisicamente con Thomas e i ragazzi.

Anche questa volta la storia è narrata in terza persona, ma viviamo il punto di vista di Thomas, come se a raccontare fosse lui.

Molto spazio viene dato ai pensieri e agli stati emotivi, che andando avanti con la lettura diventano quasi nostri, portandoci a un livello di immersione totale e catturandoci al punto da non voler smettere la lettura.

Anche in questo volume, trovandoci in un mondo distopico post apocalittico, troviamo delle situazioni che possono risultarci surreali, come controllo mentale e neurale, ma risultano comunque essere più normali e possibili rispetto al primo volume in cui troviamo i ragazzi impegnati in attività che era impossibile che conoscessero.

Una lettura strepitosa che si fa tuta d’un fiato per poi buttarsi immediatamente sul terzo della trilogia.

Micol Borzatta

Copia presa in biblioteca

Ally nella tempesta, Lucinda Riley (Giunti 2016) a cura di Micol Borzatta

51gnv0l68il

Ally è sullo yacht di Theo, che stanno facendo una pausa dal suo allenamento per la regata, quando viene a sapere che lì vicino c’è la barca del padre.

Appena arriva in vista del Titan, lo yacht si allontana velocemente e il padre non risponde né alla radio né al telefono.

Ally decide così di accendere il suo cellulare e scopre i messaggi ricevuto dalle sorel;e che le comunicano la morte del padre.

Ally decide di correre subito a Ginevra, a casa.

Qui trova le sorelle e l’avvocato del padre che le consegna una lettera in cui il padre le dá diversi indizi per scoprire il suo passato, il luogo della sua nascita e la famiglia di sangue da cui discende.

Ally apre subito la lettera, ma non sa se adempiere alle volontà paterne o se abbandonare la ricerca e tornare alla sua vecchia vita.

Dopo la morte di Theo, Ally decide di passare un po’ di tempo a casa di Celia, la madre di Theo, quando riceve via mail la traduzione del romanzo che il padre le aveva indicato nella lettera e che riguarda il suo passato.

Ally inizia così la lettura… e anche noi lettori.

Secondo romanzo della saga di Le sette sorelle, nella primissima parte riviviamo tutta la parte della lettura del testamento e della consegna delle lettere, affrontata già nel primo volume con Maia, ma dal punto di vista di Ally, ottimo modo per rinfrescare la memoria del lettore e introdurre la storia nuova.

La narrazione è tutta in prima persona dalla voce di Ally, e permette a noi lettori di sentirci lei per tutta la durata della lettura.

Dopo aver provato il terribile dolore di Ally, prima per la morte del padre e poi per quella di Theo, veniamo gettati indietro nel tempo, nel 1875, e viviamo la storia di Anna, del suo matrimonio combinato e del suo amore per Jens.

Purtroppo le parti ambientate nel passato sono molto lente e spesso noiose, a differenza del primo volume, e molte di poco interesse.

Nel complesso abbiamo un’ottima lettura, che si divora anche con i suoi difetti e che, anche stavolta, finisce dandoci un piccolo incipit del prossimo volume, invogliandoci a continuare subito la lettura.

Micol Borzatta

Copia presa in biblioteca