Dark Angel, serie TV ideata da James Cameron e Charles H. Eglee

86A6EF7F-1CB6-447C-8923-6D278A91B3C5.jpeg

Serie televisiva statunitense fantascientifico cyberpunk ideata da James Cameron e Charles H. Eglee che debuttò nel 2000 su Fox e che venne cancellata, purtroppo, dopo solo due stagioni.

La serie fu girata a Vancouver, negli studi LionsGate.

Siamo negli Stati Uniti del 2009.

Il segretissimo centro di ricerca chiamato “Progetto Manticore” e sito nel Wyoming, crea esseri umani geneticamente manipolati per far sì che fossero più potenziati per poi usarli come soldati in­vincibili.

Un giorno undici bambini del gruppo X 5, riconoscibili da un tatuag­gio dietro al collo che rappresenta un codice a barre, riescono a scap­pare dal centro, contrariamente alla loro volontà, sono costretti a dividersi per poter avere maggior possibilità di sopravvivenza.

Pochi giorni dopo esplode nella ionosfera un ordigno nucleare che, con una potentissima onda elettromagnetica, distrugge tutti i si­stemi informatici e di comunicazione causando una depressione economica che porta il governo a uno Stato di Polizia.

Passano dieci anni e facciamo la conoscenza di Max Guevara, una ragazza che lavora come corriere per la Jam Pony e fa la ladra di notte, ma in realtà il suo vero nome sarebbe X5-452 ed è una degli undici bambini fuggiti.

Durante uno dei furti fa la conoscenza di Logan Cale, padrone della casa in cui era penetrata e hacker attivista che combatte il crimine e la illegalità sotto lo pseudonimo di “solo occhi”, perché nei video che pubblica mostra solamente i suoi occhi.

Max accetta di collaborare con lui a condizione che lui l’aiuti a trovare gli altri dieci ragazzi, che considera i suoi fratelli e sorelle, e distruggere la Manticore.

Anche il colonnello Donald Lydecker, l’addestratore del gruppo di Max, sta cercando gli undici ragazzi per riportarli a Manticore.

Una bellissima serie televisiva in cui vengono trattati benissimo i temi della differenza di etnia, o specie, il legame umano e il senso di famiglia nel senso più ampio, non solo quello legato al legame di san­gue.

I personaggi sono caratterizzati molto bene, ben sviluppati, con reazioni molto naturali.

Anche la scelta degli attori è stata fatta proprio ad arte, rispec­chiano molto i personaggi che devono rappresentare.

Le puntate erano molto scorrevoli, piene di azione e interessan­ti, sapevano catturare lo spettatore ed è stato davvero un peccato che l’abbiano cancellata.

Micol Borzatta

Vista in streaming

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...