The Amityville Horror, Jay Anson (Pocket Star 2006) a cura di Micol Borzatta

51JGWSQoIWL

Amityville, New York, 1975, Dicembre

George e Kathy Lutz decidono di acquistare una nuova casa e tramite un’agenzia immobiliare scoprono e si innamorano di una casa sita al numero 112 di Ocean Avenue e traslocano il 18 dicembre 1975.

La casa è un enorme edificio in stile coloniale olandese costruita negli anni venti, di tre piani, che era sul mercato immobiliare da un anno, nonostante il prezzo richiesto fosse meno della metà delle altre case della zona e del suo effettivo valore commerciale.

L’agente immobiliare riferisce ai Lutz che la casa era appartenuta alla famiglia DeFeo, dando per sottinteso che tutti conoscessero la storia relativa, ma i Lutz la scoprirono solo dopo essersi trasferiti.

Ronald DeFeo nel 1974 uccise nel sonno madre, padre, i due fratelli e le due sorelle, durante l’interrogatorio Ronald dichiarò che continuava a sentire delle voci, ma intorno non c’era nessuno, quindi ha capito che era Dio a parlargli ed era stato lui a dirlgi di sparare.

Al momento dell’acquisto si Lutz non interessava la storia della casa, al punto che acquistarono anche quasi tutto il mobilio dei DeFeo.

Il giorno del trasloco i Lutz invitarono Padre Mancuso, un loro amico, a benedire la casa e, mentre il sacerdote era davanti alla porta d’ingresso sentì una voce dirgli di andarsene, ma nessuno era presente, la voce apparteneva a qualcuno di invisibile.

Mentre tornava a casa, dopo aver cenato dalla madre, la macchina di Padre Mancuso ebbe degli strani incidenti, obbligandolo a chiedere un passaggio a un collega che, dopo averlo lasciato a casa, lo chiama per comunicargli che anche lui aveva avuto dei guasti misteriosi.

Anche la famiglia Lutz inizia ad avere delle complicazioni. Tutti i componenti della famiglia avevano strani sbalzi di umore, di notte sentivano strani rumori e George continuava a sentire freddo, nonostante continuasse a mettere legna nella caldaia.

Erano solo i primi segnali di un degenero che li porterà a scappare dalla casa solo ventotto giorni dopo.

Quale strana entità dimorava in quella casa?

Romanzo horror basato su una storia vera, nonostante la storia inizialmente venne criticata e giudicata falsa, specialmente dagli studiosi del paranormale. Una delle critiche più accalorate è quella di Stephen Kaplan che, durante un incontro con George Lutz ha avuto un’accesa discussione.

Le accuse di falso iniziarono a coinvolgere anche Jay Anson, oltre ai Lutz, finché non intervennero Lorraine ed ed Warren, famosi demonologi dell’epoca, che alla fine dimostrarono la veridicità, ottenendo le scuse da Kaplan, che però nel 1995 decise di scrivere il romanzo The Amityville Horror Conspiracy con l’aiuto della moglie, in cui ritira fuori la sua teoria del complotto.

Come per Padre Mancuso, anche Jay Anson e il suo editore subirono strani incidenti durante la stesura del romanzo. Anson oltretutto morì di infarto subito dopo averlo finito.

Anche amici e parenti, appena avevano tra le mani il manoscritto, o parte di esso, subirono incidenti strani anche molto pericolosi.

Il romanzo riprende tutta la storia con dovizia di particolari e un linguaggio scorrevole e di facile lettura.

Micol Borzatta

Copia di proprietà

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...