Maze runner. La mutazione, James Dashner (Fanucci 2014) a cura di Micol Borzatta

512b8o8xf03l._sx322_bo1204203200_

Sono passati anni da quando le Eruzioni solari hanno distrutto il mondo.

La popolazione si è rifugiata in accampamenti nei boschi per cercare di sopravvivere e superare il calore che brucia la terra.

Un giorno un Berga solca i cieli, tutti sono speranzosi che il governo abbia trovato una soluzione e sia lì per salvarli, ma quando il portellone si apre i soldati non lanciano scialuppe di salvataggio ma frecce su tutta la popolazione.

Alec e Mark riescono a salire sul Berga per vendicare i loro amici, e mentre sono intenti ad aprire la porta principale per passare nella cabina, Mark trova una serie di contenitori pieni dei dardi che i soldati hanno appena sparato con sui scritto: Virus VC321XB47 altamente contagioso.

Mark capisce subito che l’intento dei soldati del governo non è mai stato quello di ucciderli, ma di usarli come cavie per qualche nuova arma.

Dopo essere riusciti a far precipitare il berga, ALec e Mark ritornano al loro accampamento, impiegandoci due giorni interi.

Al loro arrivo vengono accolti da una montagna di cadaveri. I pochi sopravvissuti sono chiusi nelle capanne e non vogliono uscire, mentre Darnell, che era stato messo  in quarantena appena si accorsero che i malati aumentavano, è impazzito fino al punto di spaccarsi la testa contro la porta della capanna in cui era rinchiuso, mentre Mark cercava di parlargli.

Mark e Alec decidono di lasciare l’accampamento e di dirigersi verso il campo base da cui è partito il Berga e di cui hanno scoperto l’ubicazione quando erano a bordo.

Con loro si aggregano anche Lana e Trina, mentre gli altri due amici a loro legati, Misty e il Rospo, decidono di rimanere quando scoprono che Misty è ammalata.

Poco tempo dopo la loro partenza, vengono raggiunti da Rospo affetto anche lui dal siero e sono costretti a ucciderlo.

La cosa li ha talmente colpiti che, quando al villaggio, sito a un giorno dalla loro meta, trovano una bambina abbandonata da tutti, Deedee, decidono di portarla con loro nonostante rechi una cicatrice che dimostra che è stata ferita da un dardo del virus.

Durante il viaggio si trovano a doversi dividere, Mark e Alec rimangono invischiati con un gruppo di Spaccati, mentre Trina, Lana e Deedee vengono rapite dalla C.A.T.T.I.V.O.

Mark e Alec decidono di ritrovarle, ma la missione non sarà per niente facile.

Prequel della trilogia di Maze runner ci troviamo a vivere gli eventi accaduti tredici anni prima alla fuga dal Labirinto, ai momenti della Tempesta Solare e alla nascita della C.A.T.T.I.V.O.

Come già abituati la narrazione è tutta in terza persona, ma questa volta il punto di vista è quello di Mark.

Originale la scelta dell’autore riguardo all’inserimento dei flash back. Essi infatti vengono messi come sogni di Mark, così mentre loro nel presente dormono, noi possiamo vivere gli eventi capitati un anno prima rispetto a quand i soldati in tuta verde hanno colpito il popolo con i dardi.

La storia è davvero molto ben gestita, si parte con il presente, si passa per il passato, fino a ritornare alla congiunzione del tutto.

Oramai tutte le domande hanno ottenuto una risposta, manca solo di sapere com’è stato creato il Labirinto.

Micol Borzatta

Copia presa in biblioteca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...