L’ultima volta che ti ho vista, Alafair Burke (Piemme 2018) a cura di Micol Borzatta

41amm6bptal._sx324_bo1204203200_
Acquista su Amazon

Nick è un ragazzo molto dotato per il baseball, ma proveniente da una famiglia povera che lo porta a rubare cellulari nella metropolitana per dare soldi in casa.

Una sera, dopo l’allenamento, si trova in metropolitana a cercare la sua nuova vittima e pensa di averla trovata in una donna con uno zainetto sulle spalle e il cellulare in mano, stava scrivendo un messaggio.

Appena si aprono le porte della metropolitana, Nick, afferra il telefono e scappa, la donna però è veloce e scatta all’inseguimento, fino a quando, lanciando lo zainetto, lo atterra e lo fa cadere sui binari, per poi lanciarsi a salvarlo e nel frattempo recuperare il cellulare.

Il tutto viene registrato da una ragazza che era presente alla scena.

La notizia arriva al direttore del giornale di McKenna Jordan, che la incarica di scrivere subito un articolo.

McKenna inizia subito a indagare, ma quando vede il filmato il suo cuore sembra rompersi in petto: la donna del video è Susan Hauptmann, l’amica sua e di suo marito scomparsa cinque anni prima.

Cosa ci fa Susan in quel video? Dov’è stata per cinque anni? E se è tornata, perché è sparita di nuovo?

Romanzo thriller psicologico dove tutto quello che sai scopri non essere vero, ogni certezza smontata, ogni verità cancellata e tutto quello che ti fa paura diventa reale.

La storia prende subito ritmo e forma catturando subito il lettore, per poi avvolgerlo nelle spire mentali e psicologiche di McKenna.

La narrazione infatti si basa sugli effetti emotivi e psicologici che il rivedere la sua amica ha sulla protagonista.

Le descrizioni sono molto precise e permettono di sentirci al centro dei fatti, ponendoci mille domande anche sulla nostra vita, su chi conosciamo e chi ci sta vicino.

Un romanzo che fa molto riflettere scritto con eccezionale maestria.

Micol Borzatta

Copia di proprietà

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...