Follia, Patrick McGrath (Adelphi 1998) a cura di Micol Borzatta

9788845913600_0_0_300_75

In un grande manicomio criminale nei pressi di Londra, lavorano Max e sua moglie Stella.

Direttore del manicomio, lui, e addetta all’orto e alla cucina di casa lei, hanno una vita abbastanza tranquilla, ma molto spenta.

Così quando Stella incontra Edgar Stark, paziente addetto alla ristrutturazione della serra, scoppia subito fra di loro un’attrazione sessuale molto forte che cambia il carattere della donna.

Edgar approfitta subito della cosa, e inizia a manipolare la donna a sua insaputa, fino a quando riesce a farsi invitare in casa, rubare i vestiti del marito e con quelli scappare dal manicomio.

La caccia all’uomo inizia subito, ma nessuno riesce a capire dove possa essere andato l’uomo, nessuno tranne Stella che scappa a sua volta e lo raggiunge.

I primi tempi tra i due la vita procede tranquilla, ma poi piano piano gli squilibri mentali dell’uomo iniziano a uscire e le violenze su Stella diventano sempre più pesanti.

Stella riesce a scappare e torna da Max, che nel frattempo è stato licenziato, si ritirano così in una fattoria insieme al figlio Charlie.

Quando il figlio viene a mancare però la mente di Stella arriva a un punto di rottura da dove non c’è più ritorno e viene ricoverata nello stesso manicomio in cui lavorava il marito.

Romanzo molto forte, che non si spreca né nelle descrizioni degli ambienti, né in quelle relative alla psiche umana e nemmeno in quelle relative al trattamento dei pazienti nei manicomi.

Il linguaggio usato non è difficile né troppo ricercato, anzi, risulta essere fin troppo terra a terra e anche molto crudo.

Non adatto a tutti, per riuscire a leggere questo romanzo bisogna riuscire a superare i limiti di un animo troppo sensibile per non rischiare di provare troppo in prima persona i dolori dei protagonisti.

Micol Borzatta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...