Un mistero per cinque ragazzi, Mariella Ottino e Silvio Conte (Scolastiche Bruno Mondadori 1995) a cura di Micol Borzatta

download

Durante l’ora di ecologia del professor Lorenzo Neri, Zanetti, uno degli alunni, racconta come suo nonno ha avvistato un gufo delle nevi. Essendo un esemplare che vive nella tundra del nord, la notizia di un suo avvistamento fa scalpore, Neri decide di verificare la cosa in prima persona organizzando una spedizione a cui partecipano Demarchi, Zanetti, Martelli, Mariangela e Giulia, senza però avvisare i genitori.

Durante l’appostamento per scorgere il gufo, i ragazzi, il docente e la fidanzata di quest’ultimo scoprono però un camion che scarica nel lago sostanze nocive.

I ragazzi comunicano subito la cosa alla polizia, ma l’unica cosa che ne ricavano sono sgridate e punizioni da parte dei genitori per essere usciti di nascosto.

I ragazzi, vedendo la notizia insabbiata decidono di investigare per conto proprio per denunciare il gravissimo crimine.

Romanzo molto leggero per quanto riguarda lo stile narrativo, ma davvero molto profondo per quanto riguarda i temi trattati.

L’argomento di fondo infatti è l’ecologia e il rispetto dell’ambiente, insegnando ai piccoli lettori come rispettare il mondo circostande porta a rispettare anche se stessi e il prossimo.

Un romanzo davvero istruttivo, che unisce grandi lezioni a una storia investigativa intrigante e piena di colpi di scena che sanno tenere sempre vigile la mente del piccolo lettore che vorrà leggere pagina dopo pagina per scoprire come se la caveranno i cinque quattordicenni.

Istruttivo e intrigante adatto come romanzo didattico.

Micol Borzatta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...