Una coppia quasi perfetta, Nina Sadowsky (Newton Compton 2017) a cura di Micol Borzatta

Recensione pubblicata sul blog Milano Nera con cui collaboro
una-coppia-quasi-perfetta_8771_x1000

Il romanzo parte subito in quarta: il cadavere di un uomo con un coltello nella pancia giace su un letto in un albergo  e intorno a lui una donna bionda con un bikini verde acido e pareo sta ripulendo tutto.
Dopo questa scena mozzafiato si torna indietro nel tempo, al  giorno in cui Ellie si sposa diventando la signora Beauman.
Il matrimonio procede bene, ma Rob, il marito, un giorno dice qualcosa che la turba.
Altro salto temporale e troviamo Ellie intenta a  tagliare il labbro inferiore del cadavere, che ora sappiamo non essere  Rob. Poi,  mentre scappa dall’ albergo, rischia un incidente in macchina.
Andando avanti e indietro nel tempo, si procede nella storia per scoprire che fine ha fatto Rob, chi è l’uomo che Ellie ha ucciso e perché.
Nel frattempo viviamo anche la vita e le indagini del detective Broussard che iniziano con la sparizione di un bambino, seguito da altri tre, nell’arco dei successivi sette mesi.

Sorgente: Una coppia quasi perfetta – MilanoNera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...