Il meraviglioso vinile di Penny Lane, Giordano Criscuolo (Eretica Edizioni 2017) a cura di Micol Borzatta

vinile-penny-lane

Emily ha sedici anni. Dopo aver perso la madre, unico genitore che le era rimasto, vivrà a casa della nonna, l’unica persona, insieme al suo amico LP, proprietario di un negozio di dischi in vinile che la soprannominata Penny Lane, che sapranno amarla e starle vicino.

LP ha 28 anni, è divorziato e ha un amore viscerale per Penny Lane, tant’è che cerca in tutti i modi di starle vicino e ha deciso che quando rimarrà totalmente da sola, dopo la morte della nonna, la farà stare a casa sua.

Penny Lane passa parecchio tempo nel negozio di LP, e un giorno scopre in una vetrinetta uno strano vinile con la copertina tutta nera con al centro due scarpette rosse.

LP fa di tutto per impedire a Penny Lane di prenderlo, ma lei lo desidera talmente tanto che arriva al punto di rubarlo, ma quando a casa decide di ascoltarlo succede la tragedia.

Infatti Penny Lane trova la nonna decapitata in cucina, scena talmente forte che la fa svenire, e al suo risveglio si ritrova in un mondo stranissimo pieno di nani e strane creature.

Romanzo brevissimo, un centinaio di pagine, ma con un formato talmente piccolo da stare in una mano, che sa però trasportarci in un mondo del tutto nuovo, che pur essendo molto sulla falsa riga di Alice nel paese delle meraviglie ci fa gustare un’avventura completamente nuova.

Descrizioni davvero strepitose fanno sì che si riesca a evocare intorno a noi tutta l’ambientazione protagonista, così da darci l’impressione di aver oltrepassato la linea che divide reale dal fantastico insieme a Penny.

I personaggi, sia quelli del mondo reale che quelli del mondo fantastico, sono realizzati minuziosamente e dettagliatamente, con uno spessore straordinario che li porta a uscire dalla loro dimensione bidimensionale facendoceli trovare intorno a noi durante la lettura, così che sia possibile toccarli con mano.

Il coinvolgimento è davvero totale, l’immersione così profonda che per un paio d’ore circa sembra davvero di essere stati in un altro mondo e tutto ciò che ci circonda normalmente viene dimenticato.

Un viaggio epico che riesce quasi a surclassare quello ormai famosissimo di Carroll.

Micol Borzatta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...