Quello che l’acqua nasconde, Alessandro Perissinotto (Piemme 2017) a cura di Micol Borzatta

Recensione pubblicata sul blog Leggere a Colori con cui collaboro

Edoardo Rubessi, famosissimo genetista candidato al premio Nobel, dopo aver passato trentacinque anni in America, dove si è sposato e ha messo su famiglia, è tornato in Italia, a Torino sua città natale, per continuare il suo lavoro sui bambini malati.

Edoardo però non è sempre stato una persona irreprensibile, tant’è che della sua gioventù non conosce nulla nemmeno sua moglie Susan. Ed è proprio quel passato, che lui vuole continuare a tenere nascosto, che invece inizia a perseguitarlo nei panni del vecchio. Il problema è che non sarà solo lui a doverlo affrontare e pagarne le conseguenze, ma principalmente sarà proprio Susan ad averci a che fare. Spinta dalla voglia di conoscere l’uomo che ha sposato, rivivrà tutti gli orrori che il tempo ha nascosto ma non cancellato.

Sorgente: Recensione di Quello che l’acqua nasconde di Alessandro Perissinotto •

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...