Il giro di vite, Henry James (Garzanti 1991) a cura di Micol Borzatta

9788811360766g

Fine 1800. Miss Giddens viene assunta per fare da istitutrice a Flora e Miles, due bambini rimasti orfani e mandati a stare con la servitù a Bly dallo zio, che troppo impegnato nella vita mondana non li vuole a Londra.

Appena arrivata a Bly Miss Giddens incontra subito Flora e ne rimane entusiasta. Dopo pochi giorni però riceve una lettera dal collegio di Miles dove le comunicano che il bambino è stato espulso perché un pericolo per gli altri bambini. Appena Miss Giddens però incontra Miles non crede alla lettera e decide di non darle peso, credendo che possa essere assolutamente impossibile che un bambino così adorabile potesse fare del male.

Con il passare del tempo però strani episodi turbano la quiete della casa. Miss Giddens inizia a vedere due presenze che sembrano volere i bambini e scopre essere i fantasmi della precedente istitutrice e del cameriere personale dello zio, due persone violente e disdicevoli che coinvolgevano i bambini nei loro sordidi comportamenti.

Un romanzo che sa essere inquietante grazie alla bravura di James di saper descrivere in modo profondo e minuzioso tutte le sensazioni dell’animo dei personaggi, trasmettendo al lettore l’inquietudine di Miss Giddens, l’ambiguità di Flora e Miles, dall’apparenza tanto puri e dolci ma nel profondo subdoli e malevoli.

L’atmosfera della casa ben rispecchia il clima delle vicende facendo diventare il romanzo ancora più coinvolgente.

Unico difetto riscontrato riguarda i dialoghi di Miles. L’autore usa terminologie troppo ricercate per appartenere a un bambino, anche di quell’epoca. Si potrebbe spiegare con l’idea della possessione da parte degli spiriti dei bambini, ma non tornerebbe con la possibilità che le visioni siano causate da una fissazione quasi isterica di Miss Giddens.

Un romanzo profondo e pieno di interpretazione scritto da un maestro della letteratura del 1800.

Micol Borzatta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...